venerdì 11 agosto 2017

Anteprime Libromania: agosto 2017

Titolo: Un errore di inesperienza
Autoe: Errico Nero
Editore: Libromania
Pagine: 237
Prezzo: 1,99

Descrizione: 
Di ritorno dalla gita scolastica annuale, il professor Serafini voleva godersi finalmente una domenica casalinga. L’aroma del caffè aveva già riempito tutte le stanze quando il professore decretò che fosse giunto il momento di uscire sul balcone a fumare una sigaretta. Mentre si crogiolava nel piacevole tepore mattutino, qualcosa di inconsueto lo disturbò. Doveva recuperare gli occhiali da miope e mettere subito a fuoco quello che sospettava di aver visto. Sul muretto laterale del giardino stavano i corpi di un ragazzo e una ragazza fissati in qualche modo al muro come statue di cartapesta o animali impagliati. Guardando ancora meglio gli sembrò di riconoscere quei corpi, ma non voleva essere lui a decretarlo, non in quel momento e nemmeno con sua moglie.
Meglio lasciare le indagini al Sostituto Procuratore. Agnese Sloe, a cui di sicuro non sarebbe sfuggito che le due vittime Rebecca Mozic e Andrea Povelli erano, fino al giorno prima, due studenti del professore. Ma perchè i due ragazzi non erano andati in gita con il resto della classe? Perché erano stati uccisi in quel modo proprio nei pressi dell’abitazione del Serafini?
Problemi d’identità, enigmi da risolvere e intrighi inaspettati si mescolano in una vicenda che il lettore sentirà l’urgenza di risolvere insieme alla polizia.

Titolo: Un segreto ben custodito
Autoe: Marco Caudullo e Attilio Facchini
Editore: Libromania
Pagine: 176
Prezzo: 1,99

Descrizione: 
In una delle estati più torride degli ultimi anni, in una Brianza sempre più ostile si muove Alessandro Spina, giornalista freelance in attesa della grande occasione che gli faccia fare il salto di qualità e confermi la sua determinazione a non seguire le orme del padre. Questa è la convinzione che da sempre guida le sue scelte per poi, crollare dolorosamente quando la morte del padre, improvvisa e misteriosa, lo travolge prendendo diverse forme. Bernardo Spina, noto dirigente bancario si è tolto la vita. Questa è la notizia, ma Alessandro sente che qualcosa non torna: amava e odiava il padre allo stesso tempo, ma lo conosceva nel profondo. O almeno era convinto di questo. Le ricerche aprono scenari oscuri e sconosciuti sulla vita del padre Bernardo: amanti, relazioni lavorative ambigue e chissà cos’altro. Una scoperta dopo l’altra oltre che una vera e propria caccia ai demoni che da tempo abitano Alessandro. Qual è la verità sulla morte di suo padre? In che modo cambierà la vita di Alessandro?

Titolo: Una lacrima di sale
Autoe: Sandro Vero
Editore: Libromania
Pagine: 108
Prezzo: 1,99

Descrizione: 
Una voce femminile echeggiava da qualche giorno nella mente del professore. Era la voce di quella donna, sempre la sua. Non l’aveva mai vista, ma aveva la netta sensazione di conoscerla da prima che entrasse nel suo studio da psicoanalista, spinta dal desiderio di liberarsi al più presto dalla prigione che era divenuto il suo matrimonio. In modo del tutto inaspettato, le sedute tra i due si sono trasformate in confessioni, conversazioni in cui spesso hanno finito per abbandonare i ruoli di medico e paziente in nome di un legame ben più profondo, senza inceppamenti, senza quei sussulti che appartengono alle cose incerte. In un gioco di verità continuamente smentite e rovesciate, insieme si sono scoperti capaci di fare quello che avevano solo segretamente covato: per stare insieme o per raggiungere secondi fini a spese dell’altro...

martedì 8 agosto 2017

Anteprime Dunwich: agosto 2017

Titolo: Dante: Parte Seconda (The Guardian Archives Vol. 3)
Autore: Jennifer Sage
Genere: Paranormal Romance
Pagine: 350
Data di uscita: 7/8/2017
Prezzo: ebook € 3,99 cartaceo 14,90
Disponibile qui

Descrizione:

UN VIAGGIO DURATO MEZZO MILIONE DI ANNI

Un folle angelo alato ha rapito la Compagna di Dante. Non c’è dolore più grande per un Guardiano della perdita dell’unica creatura che possa amare. Gliel’hanno strappata dalle braccia mentre era in punto di morte e ora potrebbe impazzire tanto quanto Zaqar.
Per limitare i danni, Lucio lo ha sedato come un cane rabbioso, ma teme che, una volta risvegliatosi, Dante possa fare una strage. È stanco di rivendicare la sua donna. Lei è sua. Peccato che qualcun altro si sia messo in mezzo.
Giovanna ha patito altre atroci sofferenze per mano del suo ex marito, un vero sadico. Rimasta nascosta per lungo tempo, ora dovrà combattere, sempre che riesca a sopravvivere. Cosa sono le ombre che danzano nei suoi occhi mortali e dove l’hanno portata? Cosa si nasconde dietro al nome segreto che la sua famiglia le ha rivelato ma che non poteva usare?
La Compagna di Dante non poteva essere una semplice Mortale, ma non è nemmeno un’Immortale. È soltanto una ragazza molto empatica… giusto?
Tutti gli Immortali hanno sempre vissuto nella menzogna. I loro antenati hanno tramandato falsità che ora non sono più in grado di sostenere. Adesso dovranno fare un salto nel buio e unirsi ai Guardiani, oppure i giusti li cacceranno da questo mondo. Alleati o nemici… ma i nemici sono già troppi.
I Quattro si sono rivelati. Sono loro i veri antagonisti che si celano dietro tutte le Ombre esistenti. Sono loro a tirare i fili e non si fermeranno fino a quando non potranno governare questo mondo con i loro veri figli, i Demoni. La Regina è negli Inferi con tutti gli Autentici, ma il Principe è libero. Uno a uno, i sigilli si stanno rompendo, il processo è già iniziato. Nove figlie per rompere i sigilli dei Sette Inferi. Tre sono già nate…
La furia dell’Inferno è nulla in confronto a quella di una donna tradita. Thia ha dei progetti per il risveglio del suo Guardiano e stavolta non includono il sesso. La sua maledizione sta prendendo rapidamente il sopravvento. L’odio la sta consumando… e a lei piace.
Zaqar ha ritrovato sua figlia, assassinata duemila anni prima. Lei è il legame che lo unisce alla sua Predestinata, morirebbe pur di non perderla un’altra volta. Ma, soprattutto, è pronto a uccidere. Già una volta ha fatto scorrere il sangue nella valle del Paradiso e non avrebbe problemi a colorare ancora una volta i fiumi di rosso. Proprio come i suoi occhi.
La vendetta è un morbo che distrugge tutto ciò che tocca. Quando la speranza finisce, qualcuno la cerca. E nel tempo, lentamente, il sangue si avvelena.
Resiayana fu la prima ribelle, il primo Guardiano a combattere per l’umanità. Anche adesso rappresenta una luce per il nostro mondo. Michael ci sta guardando. Non siamo stati completamente abbandonati.


E questo è soltanto l’inizio. La seconda parte comincia ora.

Titolo: Shadow Play (Il Fuori della Magia Nera Vol. 2)
Autore: Domino Finn
Genere: Urban Fantasy
Pagine: 240
Data di uscita: 7/8/2017
Prezzo: ebook € 3,99 cartaceo 12,90
Disponibile qui

Descrizione: 
Mi chiamo Cisco Suarez e una settimana fa ero morto.
Costretto da una maledizione a servire un’organizzazione avvolta dalle ombre, ho parecchio sangue sulle mie mani. Per fortuna ho anche un problema a rispettare le autorità, perciò non prendo più ordini e la prima cosa da fare sulla mia lista è abbattere quei bastardi.
Se sono bravo in qualcosa, è cercare in posti bui. Ma ho anche delle ombre di mio. Dei fatti terribili continuano a tormentarmi e non sto parlando di un tipo di tormento metaforico. Sto parlando di fantasmi, di maghi... e di quell’entità dagli scintillanti occhi rossi.
Questo dimostra che è vero quello che dicono: si raccoglie ciò che si semina.
La resurrezione è sopravvalutata o cosa?

venerdì 4 agosto 2017

Recensione: La casa dalle radici insanguinate

Titolo: La casa dalle radici insanguinate
Autore: Roberto Ciardiello
Editore: Amazon
Dati: 2017, 224 p., brossura
Prezzo di copertina: 12,48 euro
Prezzo ebook: 2,99 euro

Descrizione:
Cupo, Mago, Skizzo.
Tre figure in agguato nell’oscurità, tre predatori in mezzo agli alberi, un unico obiettivo: svuotare la cassaforte di Villa Marchetti, residenza di facoltosi gioiellieri romani.
Il piano: sorprendere la coppia di ritorno dal lavoro, entrare in casa, arraffare il possibile e filare verso una nuova vita, lontano dalla periferia degradata della città.
Un gioco da ragazzi, come armare il cane di una pistola dalla matricola abrasa. Cupo, Mago e Skizzo questo credevano.
Finché non hanno aperto la porta sbagliata.

L'autore:
Roberto Ciardiello, romano, classe Ottanta, ha iniziato a scrivere qualche anno fa, partecipando a concorsi per racconti brevi, spesso di genere fantastico-horror. Classificandosi primo in varie occasioni, ha capito che forse avrebbe potuto dilettarsi nella stesura di qualcosa di più corposo. Nel 2016 pubblica “La vendetta nel vento” e nel 2017 “La casa dalle radici insanguinate”, entrambi tramite il servizio di Self Publishing di Amazon.

La recensione di Sara:
Cupo, Mago e Skizzo sono tre ragazzi che non se la passano proprio benissimo.
Sono abituati alla strada e sanno come arrangiarsi per racimolare soldi, anche se non sempre in modo del tutto legale.
Spacciano, rubacchiano ma mai niente di troppo serio.
Ora però sono insieme, vale la pena tentare un colpo grosso, una rapina che cambierà le loro vite.
L’obiettivo è Villa Marchetti, la casa di Eugenio e Anna, due gioielleri romani che sembrano nascondere una cassaforte in casa.
Cupo, Mago e Skizzo presagiscono che se la cassaforte è nascosta qualcosa di grosso deve esserci all’interno, vale la pena correre il rischio.
I tre organizzano così la loro rapina e, dopo aver braccato i due coniugi sulla strada di casa, si ritrovano all’interno della villa.
Sin da subito si accorgono che qualcosa in quella casa non va, una strana sensazione e una carica elettrica non indifferente avvolgono i rapinatori.
Ad accrescere il mistero sono due chiavi che il signor Marchetti tiene nascoste. Che cosa aprono? Perché l'uomo le tiene nascoste? Cosa c’è di tanto prezioso in quella casa?
Cupo, Mago e Skizzo lo scopriranno a loro spese, trasformando quella che doveva essere la più grande fortuna della loro vita nell’incubo peggiore in cui potersi imbattere.
La trama è molto interessante, un thriller/horror con venature splatter e pulp che sicuramente farà brillare gli occhi agli amanti del genere più estremo.
Il sangue non manca, non manca la tensione e neppure l’originalità, sebbene l’idea di fondo sia stata esplorata più volte.
Le assonanze con le atmosfere inquietanti e surreali di Shining si fanno sentire presto, è facile ricondurre alcuni particolari della casa all’Overlook Hotel.
Lo stile è secco e diretto, un po’ come quello dei maestri della beat generation. Niente è lasciato all’immaginazione, tutto è raccontato così com’è, senza mezzi termini, come un pugno in faccia.
La narrazione alterna il presente a flashback che raccontano le origini dei personaggi e lasciano intendere man mano qualcosa in più su quello che sta accadendo a Villa Marchetti.
La pecca di questo romanzo a mio avviso è il ritmo lento che caratterizza la  prima parte, troppo considerando anche  il genere.
La storia vera e propria si svolge solo nell’ultima parte in cui acqisisce il ritmo tipicamente incalzante dell’horror.
La lentezza della prima può, in alcuni momenti, scoraggiare il lettore e depistarlo, è la scarica di adrenalina finale che lo rende veramente unico.
Inizialmente si ha la sensazione che la storia non vada a parare da nessuna parte che, sì, qualcosa c’è ma forse non scopriremo di cosa si tratta.
Poi, verso il finale, laddove l’horror la fa da padrone, la musica cambia totalmente. Il ritmo accelera semore  più, ci si sente invogliati  ad andare avanti, a scoprire cosa c’è sotto la suerficie e quello che si trova è decisamente interessante!
Non fatevi ingannare da quello che  inzialmente potrebbe sembrare un thriller a tinte forti come tanti. Per arrivare fino in fondo ci vuole stomaco, se siete facilmente impressionabili La casa dalle radici insanguinate non è per voi.

mercoledì 2 agosto 2017

Review Party: Il settimo enigma di G.L. Barone

Buongiorno cari follower,
oggi vi proponiamo un nuovo Review Party dedicato a 
Il settimo enigma di G.L. Barone (Newton Compton), atteso sequel de La settima profezia. Se amate la suspense e le teorie complottistiche in questo libro troverete pane per i vostri denti.

Titolo: Il settimo enigma
Autore: G.L. Barone
Editore: Newton Compton
Pagine: 320
Prezzo ebook: 2,99
Prezzo cartaceo: 7,90

Descrizione: 
New York. Il palazzo delle Nazioni Unite è sotto attacco. Quattro terroristi sfondano il cancello di ingresso e muniti di cinture esplosive sparano sulla folla. È una terribile carneficina, con oltre trenta morti. Tra i numerosi feriti c’è anche Zeno Veneziani, pubblico ministero romano arrivato a New York per indagare sulla misteriosa morte dell’archeologo Leonardo Domianello.
Sierra Leone. Nigel Sforza, ispettore dell’Interpol, è appena giunto a una svolta nelle sue indagini. Gli indizi raccolti, tuttavia, lo hanno portato a una conclusione che ha dell’incredibile: un filo rosso lega tra loro un omicidio avvenuto nello stato africano, l’assassinio di Domianello al largo delle isole Baleari e la strage di New York. È solo la punta dell’iceberg di un disegno molto più grande. L’obiettivo è diffondere una terribile pandemia in grado di decimare il genere umano in poche settimane. Chi progetta un piano così folle e diabolico? Sforza e Veneziani uniscono le forze e scoprono l’esistenza di un vaccino, tenuto nascosto dalla multinazionale SunriseX International. Trovarlo prima che sia troppo tardi è la loro nuova missione. Ma per riuscirci dovranno prima risolvere il mistero che circonda il Settimo Enigma…

La recensione di Miriam:
Seguito de La settima profezia, Il settimo enigma riprende il filo della narrazione dal punto in cui si era interrotto. Il PM Zeno Veneziani continua a indagare sulla morte dell’archeologo Domianello; le sue ricerche lo conducono al Palazzo delle Nazioni Unite dove rimane coinvolto in un attentato terroristico. Una sfortunata coincidenza o qualcuno è interessato a farlo fuori perché si sta avvicinando a verità che non devono essere svelate?
Contemporaneamente, l’ispettore Nigel Sforza segue la sua pista investigativa in Sierra Leone giungendo a importanti scoperte che, non solo fanno luce sull’omicidio dell’archeologo ma gli consentono di cogliere i nessi fra  una serie di accadimenti, compreso il recente attentato alla sede dell’ONU.
Tutto sembra ricollegarsi a una presunta epidemia di Ebola che, a detta delle autorità competenti, dall’Africa si sta diffondendo in altri stati, minacciando di decimare la popolazione mondiale, e alla  SunriseX, la multinazionale che sta testando il vaccino. Stando alle scoperte di Sforza, le vittime di omicidio e i bersagli degli attentati su cui da tempo sta investigando sono persone che, in qualche modo hanno intralciato i piani della società o sono venuti a conoscenza di informazioni top secret.
Due sono i quesiti da risolvere per sbrogliare l’intricata  matassa: il rischio di una pandemia è reale? Il vaccino su cui sta lavorando la SuriseX e che, si dice, presto, sarà reso obbligatorio per tutti ha davvero l’obiettivo di salvare vite umane fermando il contagio o ha lo scopo contrario, ovvero quello di diffondere una malattia che, in realtà, non costituisce una minaccia?
Il mistero delineato e in parte svelato nel primo libro si complica nel sequel, assumendo proporzioni sempre più vaste e più inquietanti.  Ormai è chiaro che non siamo più in presenza di crimini ai danni di singoli individui, ad aleggiare sullo sfondo è lo spettro di un complotto internazionale, di  una macchinazione orchestrata da chi governa il mondo e che coinvolge l’intera popolazione del pianeta. Se i sospetti di Sforza fossero fondati non si tratterebbe solo di fare giustizia ma di impedire una vera e propria apocalisse.
Determinato a fare chiarezza e a scongiurare il peggio l’ispettore dell’Interpol farà squadra con il PM Veneziani.
Ancora una volta l’autore ci propone una trama complessa e ricchissima di azione. Le indagini in corso non hanno carattere statico ma implicano spostamenti da una nazione all’altra e finanche virtuali viaggi nel tempo. Il giallo legato al ritrovamento di alcuni scheletri di giganti, avvenuto nel 1912 in Wisconsin,  che era stato al centro dell’attenzione nel volume precedente, torna infatti a giocare un ruolo fondamentale e con esso la figura di Padre Fernandes. Proprio quest’ultimo potrebbe rappresentare la chiave risolutiva del caso ma rintracciarlo costituisce una sfida nella sfida. Sforza e Veneziani dovranno impegnarsi in una complicata quanto avventurosa caccia all’uomo basandosi su un autentico rompicapo: una sorta di messaggio in codice che fa riferimento all’Apocalisse di Giovanni, questo è l’unico indizio di cui i due uomini disporranno per riuscire nell’impresa.
Prendendo spunto dalla realtà e toccando tematiche scottanti, Barone intesse un thriller dal respiro internazionale in cui realtà e fiction si fondono e l’immaginazione dà corpo a paure e sospetti che ci toccano da vicino. Chi ci governa ci tutela o trama alle nostre spalle? Chi ha il compito di salvaguardare la nostra salute lo fa davvero oppure ci manipola come fossimo mere pedine utili a perseguire ben altri scopi? Mettendo in fila una serie di interrogativi inquietanti tesse una teoria complottistica che, per quanto fantasiosa possa essere, mette davvero i brividi.
Avventura, suspense, intrighi ed enigmi sono gli ingredienti che, combinati nelle giuste dosi e supportati da uno stile incalzante, danno vita al romanzo, un concentrato di adrenalina e mistero in grado di tenerci col fiato sospeso fino all’ultima pagina.










lunedì 31 luglio 2017

Anteprime Nero Press: luglio 2017

Titolo: L'ultimo viaggio
Autore: Maria Teresa Tanzilli
Editore: Nero Press
Lunghezza stampa: 59
Prezzo: 0,99

Descrizione: 
Gianluca è un ragazzo cinico, pessimista, asociale, ma nel quartiere dove vive è l'unico a possedere ancora un giradischi e così è costretto a partecipare al funerale della signora Betti perché lei, nel testamento, aveva espressamente richiesto che venisse suonata una certa canzone di cui lui è in possesso. Veronica è una ragazza ingenua, una sognatrice, incapace di arrendersi in quello strano mondo dove tutto sembra andare a rotoli. Siamo alla soglia della fine del mondo e i due fratelli vivono i loro ultimi giorni cercando di sopravvivere in una città dove ognuno, ormai, pensa solo a se stesso. Intanto, ovunque il suolo si spacca rilasciando un denso fumo verde che miete vittime su vittime, rendendo l'aria sempre più tossica. Cosa fare, nel poco tempo che resta? E, soprattutto, vale ancora la pena lottare?

Titolo: A ogni costo
Autore: Davide Schito
Editore: Nero Press
Lunghezza stampa: 37
Prezzo: 0,99

Descrizione: 
«Cosa saresti disposto a fare per poter stare con me per sempre?»
È questa la domanda che darà inizio a tutto.
L'amore, si sa, è la forza più potente dell'universo, ma fin dove può spingersi un uomo innamorato?
Simone è sempre stato un duro, un lupo solitario. Solo avventure, zero sentimenti. Poi è arrivata Laura, e tutto è cambiato. Laura che dice di amarlo, che però è sposata con un uomo violento, ossessionato da lei, dal quale non riesce a liberarsi. E allora nella mente di Simone si fa largo un piano. Un piano folle, pericoloso, ma che potrebbe anche funzionare... perché per lei non c'è nulla che non farebbe.
«Promettimi che staremo sempre insieme, Simone. Che non ci lasceremo mai. Che rimarrai con me, a ogni costo».

domenica 30 luglio 2017

Recensione: Header. Caccia alle Teste

Titolo: Header. Caccia alle Teste
Autore: Edward Lee
Traduzione di Nicola Lombardi
Editore: Independent Legions Publishing
Pagine: 151
Prezzo ebook: 2,99
Prezzo cartaceo: 14,87
Disonibile su Amazon

Descrizione: 
Prima edizione Italiana di una delle opere più celebri dell'hardcore-horror moderno, dalla quale è stato tratto il film 'Header' (2006) e una serie di graphic novels di grande successo negli Stati Uniti.
Sinossi: Cummings è un poliziotto corrotto che copre traffici di alcolici e droga per potersi permettere i medicinali necessari alla sua donna, da lungo tempo ammalata. Travis è un giovane sempliciotto e corpulento che, appena uscito dal carcere, trova rifugio presso l’unico parente rimastogli in vita, nonno Martin, rintanato sulla sua sedia a rotelle in un casolare sperduto nei boschi. E il vecchio orrore delle ‘cervellate’, apice delle interminabili faide fra le famiglie che vivono sulle colline, riesplode in tutta la sua sanguinaria, inimmaginabile violenza, trascinando i protagonisti di questa allucinante novella nel gorgo di un destino che non lascia scampo. A nessuno. 
Contenuti espliciti, opera non consigliata a lettori impressionabili.

La recensione di Miriam:
Concetti quali sfortuna, vendetta, giustizia possono assumere toni davvero sinistri se a interpretarli è un maestro dell’hardcore horror come Edward Lee. E sono proprio questi i temi che, rivisitati in maniera estrema, ispirano Header risucchiandoci in un vortice di oscenità e violenza – ma non solo.
Sfortunato può dirsi Travis che da ragazzino finisce in cella per una bravata; la sua pena si allunga per una serie di brutte coincidenze e quando riconquista la libertà, dopo undici anni, scopre di aver perso entrambi i genitori e che la casa paterna è andata distrutta in un incendio. Rimasto solo al mondo, può contare solo su nonno Martin – un ciabattino che, quasi per ironia della sorte, ha perso i piedi a causa di una cancrena da diabete. Assistere un vecchio invalido in cambio di un tetto sulla testa sembra essere quanto di meglio ha da offrirgli il prossimo futuro.
Sfortunato può definirsi anche Stewart Cummings dal giorno in cui la sua adorata moglie Kath si è ammalata gravemente. Da allora si trascina nella costante paura di perderla ed è attanagliato dall’ansia di non poter comprare le costose medicine di cui ha bisogno. Proprio per questo motivo, da poliziotto integerrimo, si è trasformato in un agente corrotto, accettando di coprire traffici illeciti in cambio di mazzette.
Escludendo il fatto che sono entrambi dei perdenti, i due personaggi non sembrano avere molto in comune, non si conoscono e viaggiano su binari paralleli, almeno fino a che qualcosa non spinge le loro strade a incontrarsi e a convergere in modo inaspettato.
Questo qualcosa si chiama “cervellata”. Travis ne ha sentito parlare più volte da bambino ma gli adulti non hanno mai voluto spiegargli di cosa si trattasse. Ora che è diventato uomo, il nonno è pronto a svelargli il segreto… un segreto che darà la svolta alla sua vita e travolgerà anche quella dell’ignaro Cummings.
Lascerò a voi il piacere di scoprire in cosa consiste esattamente una cervellata – del resto l’autore lo spiega in maniera eccelsa e con dovizia di particolari – qui mi limiterò ad anticiparvi che corrisponde quasi a una legge non scritta per gli abitanti delle colline, una pratica che si tramanda di generazione in generazione il cui scopo è appunto quello di ristabilire il giusto equilibrio allorquando si subiscono delle ingiustizie. Immaginate una versione creativa e molto sanguinosa della legge del taglione per farvi una vaga idea, anche se la pratica in questione va ben al di là di ogni immaginazione.
È una prosa intrisa di sadica raffinatezza quella di Lee, cruda, diretta e nello stesso tempo calibrata ad arte per assicurarci un pugno allo stomaco dietro l’altro. Sicuramente inadatta al lettore impressionabile, si compone di immagini splatter in grado di scuotere dalle fondamenta e di infrangere qualsiasi tabù, immagini che ci vengono offerte nella loro brutalità senza alcun pudore. A rincarare la dose, si aggiunge il macabro sense of humour che spesso irrompe nei contesti più raccapriccianti strappandoci un sorriso dissacrante. Leggendo, a tratti ci si sente quasi dei voyeur, spettatori segreti di uno spettacolo intimo quanto proibito; consapevoli di stare assistendo a qualcosa di profondamente sbagliato, eppure incapaci di distogliere lo sguardo perché irretiti da una strana malia.
Tuttavia, la novella non si riduce a questo. Pur riempendoci gli occhi di sequenze raccapriccianti e ipnotizzanti, Lee riesce ad attrarre la nostra attenzione anche su altri dettagli, meno appariscenti e meno tangibili ma per nulla privi di importanza. Con la stessa cura che dedica alle descrizioni più scabrose, tratteggia la psicologia dei personaggi, facendoci comprendere appieno la logica perversa che sorregge le loro azioni e mostrandoceli in tutti i loro aspetti, anche quelli più fragili.
Travis e nonno Lee formano una coppia letale, diabolica, eppure fra loro corre una sorta di tenerezza disarmante. Soli e reietti entrambi, a loro modo, si amano e si supportano rendendosi protagonisti di una complicità intrisa di profondo affetto.
Allo stesso modo, Cummings, che all’esterno interpreta il ruolo dell’essere viscido e privo di scrupoli, nell’intimità domestica si trasforma in un marito devoto e appassionato, capace di commuoverci per l’abnegazione con cui si prende cura della sua amata.
Queste incursioni nel privato, fanno sì che la violenza di cui siamo testimoni acquisti un senso, pur restando ingiustificabile, e contemporaneamente ci ricordano che nessuno è mai ciò che appare fino in fondo. Fra i bifolchi che popolano questa storia non esistono buoni e cattivi, giusti e rei, tutti sono vittime e carnefici allo stesso tempo, proprio per questo non si può mai abbassare la guardia; il male si annida ovunque sulle colline e può nascondersi anche nell’animo delle persone più insospettabili.
Il tema della vendetta ricorre anche nel racconto La ragazza larva nella prigione delle donne morte – un bonus incluso solo nell’edizione cartacea –, che ci riserva un’ulteriore scarica di adrenalina. Qui l’horror di fonde con la fantascienza trasportandoci in un futuro distopico in cui si diffonde un orribile morbo che trasforma gli esseri umani in larve. Seguendo le vicissitudini di una prostituta larva, finiremo in un carcere di massima sicurezza in cui, fra sevizie ed esperimenti ripugnanti, vedremo crescere il suo senso di rivalsa fino ad assistere alla sua rivincita finale.
Lettura consigliata a chi ama le emozioni forti e sa apprezzare l’horror nella sua veste più pulp.










giovedì 27 luglio 2017

Recensione in anteprima: Il giallo di Gaslight Street

Titolo: Il giallo di Gaslight Street
Autore: M.R.C. Kasasian
Editore: Newton Compton
Pagine: 544
Prezzo ebook: 2,99
Prezzo cartaceo: 9,90
Data di pubblicazione: 27 luglio 2017

Descrizione: 
Londra, 1883.
La vita scorre tranquilla al civico 125 di Gower Street. Il detective “personale” Sidney Grice si dedica a tempo pieno alla lettura dei suoi libri su argomenti impossibili, mentre March Middleton si rifugia nella sua stanza per fumare l’ennesima sigaretta. Ma un evento improvviso scuote la loro giornata: una donna bellissima si presenta alla porta implorando l’investigatore di risolvere il mistero che circonda la morte di suo padre. Mr Nathan Mortlock è stato infatti ritrovato massacrato sul suo letto e non sembrano esserci indizi sull’arma né un identikit dell’assassino. Grice, senza esitazioni, accetta di aiutare la donna e, con lo zampino della sua giovane pupilla in veste di assistente, comincia a lavorare a uno dei casi più difficili che gli siano mai capitati, anche perché dieci anni prima, nella stessa dimora di Gaslight Street sono stati uccisi la famiglia di Mr Nathan e i suoi domestici, e il responsabile è ancora a piede libero…

L'autore: 
M.R.C. Kasasian è cresciuto nel Lancashire e prima di diventare uno scrittore ha fatto molti lavori diversi. Vive con la moglie nel Suffolk durante l’estate e a Malta d’inverno. Il giallo di Gaslight Street è il quarto libro della serie investigativa con protagonisti il detective Sidney Grice e la sua assistente March Middleton, di cui la Newton Compton ha pubblicato i primi tre episodi (I delitti di Mangle Street, La maledizione di casa Foskett, Il mistero di villa Saturn), anche raccolti nel volume unico Le insolite indagini del detective Sidney Grice.

La recensione di Miriam: 
È tempo di un nuovo caso per l’ispettore più irriverente di Londra. A richiedere i suoi servigi e Miss Charity Belsorriso: suo padre Nathan Mortlock è stato ritrovato assassinato in casa, la polizia brancola nel buio e lei vuole che il colpevole venga stanato. Nessun problema per l’onorario esoso, la donna desidera il miglior detective sulla piazza e non bada a spese, se Sidney Grice dovesse rifiutare, tuttavia, le hanno suggerito anche il nome di Carlemagne Cochran – che tra l’altro ha prezzi anche più economici.
Ecco la parola magica per Mr G. Per nulla al mondo lascerebbe un caso nelle mani del suo acerrimo rivale, Ciarlatano Cochran, sicché accetta senza esitazioni e non solo, promette di consegnare l’assassino alla giustizia entro quattordici giorni.
Perché proprio quattrodici? Beh, chi conosce l’eccentrico Mr Grice sa che ha una serie di manie e piccole ossessioni e, a quanto pare, una delle più recenti riguarda proprio questo numero.
Una bella sfida per un giallo tutt’altro che semplice, nonostante le apparenze. La rosa dei sospetti, in effetti, si riduce a poche persone, giacché la casa in Gaslight Street, in cui è avvenuto il crimine, è quasi una fortezza inespugnabile e non presenta segni di effrazione. A uccidere Mister Mortlock non può che essere stato uno dei suoi pochissimi occupanti, quasi sicuramente qualcuno della servitù, ma nessuna ipotesi sembra convincente e, soprattutto, non vi sono prove. Inoltre c’è un altro dettaglio che non sfugge all’arguto Mr G: in quella stessa dimora, undici anni prima, ha avuto luogo un massacro; l’intera famiglia Garstang che vi dimorava e tutti i domestici sono stati barbaramente assassinati. Il caso è stato ufficialmente risolto dalla polizia ma il detective non è affatto convinto che sia stato catturato il vero colpevole, del resto non crede nemmeno nelle coincidenze ed è certo che i due delitti siano collegati in qualche modo. Egli, infatti, indirizzerà le indagini tanto nel presente quanto nel passato, mettendo in correlazione i due crimini.
Ad aiutarlo nell’impresa, ancora una volta, è la sua fida assistente March Middleton, donna acuta, ribelle e forse una delle pochissime persone in grado di tenergli testa.
Trascinandoci nelle suggestive atmosfere della Londra Vittoriana, M.R.C. Kasasian tesse un giallo in stile classico, ricalcando le orme di Conan Doyle. Un’attenta osservazione e opportune deduzioni logiche sono gli strumenti principali di cui Sidney Grice si avvale, al pari del suo collega virtuale Sherlock Holmes, per scoprire la verità. Il mistero si compone come un puzzle i cui tasselli si ottengono attraverso meticolose analisi della scena del crimine e ripetuti interrogatori tesi a far crollare i principali sospetti e carpire informazioni utili.  Un esercizio che aguzza l’ingegno, dell’investigatore quanto del lettore, e che sicuramente appassionerà gli amanti del genere.
Ma a rendere particolarmente divertente la lettura è proprio Mr G con i suoi metodi poco ortodossi e la sua personalità sopra le righe. Eccentrico a partire dal suo modo di presentarsi, con il suo occhio di vetro, che mette e toglie con sorprendente naturalezza, e un bastone da passeggio ricco di sorprese, tipo un carillon incorporato allo scopo di distrarre ipotetici aggressori.  Schietto, cinico, pragmatico tanto da rasentare la maleducazione, si approccia al crimine, e ai suoi stessi simili, con la freddezza di un osservatore scientifico; non si lascia mai travolgere dalle emozioni, non si preoccupa di avere tatto. Sicurissimo e pieno di sé, ha un atteggiamento spavaldo, presuntuoso, che spesso intimorisce ma con altrettanta frequenza provoca il sorriso in virtù delle sue manie e delle sue esagerazioni. Insomma, Sidney Grice è il tipico personaggio tanto antipatico da suscitare simpatia. A mettere in risalto la sua bizzarria contribuiscono, in maniera inconsapevole, coloro che lo accompagnano, come Miss Middleton, sua spalla perfetta, e la sua cameriera Molly – irriverente quasi quanto lui, a dispetto del suo ruolo, e regina in materia di gaffe, tanto da regalarci diversi siparietti esilaranti.
Un romanzo intrigante; pur contando oltre cinquecento pagine si legge tutto d’un fiato e il divertimento è assicurato.