martedì 28 marzo 2017

Anteprime Astro Edizioni: marzo/aprile 2017


Titolo: Nimbus
Autore: Alessio Gallerani
Genere: Fantascienza / Medicina
Target: Young adult e adulti
Editore: Astro edizioni
Collana: Sci-fi
Pagine: 256
Prezzo: 12,90 euro

Descrizione: 
Simone, detto Simon, ha spesso forti mal di testa. La TAC rivela che gli manca quasi tutto il cervello. Possiede solo il 10% della materia grigia che di solito occupa la scatola cranica di una persona.
Perciò Simon è solo un liceale di sedici anni con un “problema”? Il suo rapporto con Selene è soltanto una storia d’amore fra adolescenti? Jack è solo il suo arrogante fratello maggiore? Max e Gian, i suoi amici storici, sono solo due ragazzotti che pensano alle ragazze e ai videogiochi? Certo che no. Il senso comune scompare dentro Nimbus. Ciò che all'inizio appare come la routine quotidiana di un normale gruppo di ragazzi, si trasforma fino a diventare un incubo a occhi aperti. Un incubo intriso di sangue.

L'autore: 
Alessio Gallerani, scrittore, ha pubblicato nel 2008 RootWorld, un weird-fantasy, per Domino edizioni, Game,Death,Match!, un thriller a sfondo tennistico e Alieni mannari, sci-fi “trash”.
Come self publisher ha prodotto anche un paranormal-storico, Litania, e uno sci-fi umoristico, Idiota universo.
Gallerani fa anche parte degli autori della serie Dream Force di Delos Digital, con cui pubblica racconti a tema erotico-thriller e spionistico.

Titolo: Alga bruna
Autore: Roberto Squillante
Genere: Thriller / Medicina
Target: Adulti
Editore: Astro edizioni
Collana: Thriller
Pagine: 160
Prezzo: 12,90 euro

Descrizione: 
Una morte improvvisa nella baia di San Francisco, legata a un virus sconosciuto e contagioso, mette in allerta le autorità. E il mondo intero è in ginocchio.
Intanto, in Sicilia, una giovane ricercatrice fa una scoperta unica, legata a un antico mito divenuto tragica realtà.
Scatta allora una corsa contro il tempo, mentre le maglie delle multinazionali farmaceutiche soffocano ogni velleità di conoscenza.
In questo medical thriller, il crimine si fonde con i più antichi segreti che vengono dalle profondità del mare.

L'autore: 
Roberto Squillante, medico, è specializzato in Neurologia. Dai suoi studi sulle cure alternative nasce una serie di thriller e storie con sfondo la Medicina, applicata in modo fantasioso, eppur plausibile. Il medical thriller Alga bruna è il suo romanzo d’esordio.

Titolo: Houdini. Passione oscura
Titolo originale (USA): The Box Jumper
Autore: Lisa Mannetti
Genere: Horror
Target: Young adult e adulti
Editore: Astro edizioni
Collana: Horror
Pagine: 192
Prezzo: 12,90 euro

Descrizione:
“Un racconto inquietante di follia e il mistero. Lisa Mannetti conduce il lettore in un labirinto di illusione e scandalo che circonda Harry Houdini, mago di fama mondiale. Inafferrabile come un trucco di magia, la storia si sviluppa attraverso i ricordi di una delle sue ex assistenti, Leona che soffre di vari scompensi psichici. Le parole del romanzo invogliano il lettore a esplorare un mondo osceno di bugiardi e lussuria. Non appena gli strati di intrighi si dispiegano, il lettore è costretto a continuare a leggere...”, Sèphera Girón, autore.

L'autrice: 
Lisa Mannetti, autrice statunitense, ha vinto il Bram Stoker Awards nel 2009 col suo romanzo d'esordio “The Gentling Box” (Shadowfall Publications e Nightscape Press) ed è stata finalista a questo prestigioso premio per ben quattro volte, nel 2015 con la novella “The Box Jumper” (Smart Rhino Publications), nel 2013 col racconto “The Hunger Artist” (in “Zippered Flesh 2”, Smart Rhino Publications) e nel 2010 con la novella “Dissolution” (in “Deathwatch”, Nightscape Press) e col racconto “1925: A Fall River Halloween”, (nel magazine “Shroud” #10).
La sua Novella “The Box Jumper”, con protagonista Harry Houdini, ha vinto inoltre il This Is Horror Award 2015 nella categoria “Novella of the Year”.



Anteprima: I guardiani dell'isola perduta di Stefano Santarsiere

Titolo: I guardiani dell'isola perduta
Autore: Stefano Santarsiere
Editore: Newton Compton
Collana: Nuova Narrativa Newton
Pagine: 384
Prezzo eBook: 2,99
Prezzo cartaceo: 7,90

Descrizione: 
Una scossa improvvisa giunge nella vita di Charles Fort, giornalista appassionato di misteri. Il suo amico Luca Bonanni è morto in un incidente stradale e proprio lui viene convocato dalle autorità per riconoscerne il corpo. Ma le sorprese che lo attendono non sono poche: la compagna di Bonanni, Selena, sospetta un’altra causa di morte e lo contatta per chiedergli aiuto. Ha con sé una valigia lasciata dall’uomo piena di oggetti provenienti da relitti inabissatisi nel Pacifico e che nessuno, in teoria, potrebbe aver recuperato. Le domande sono tante: cosa lega il contenuto della valigia alle ultime ricerche di Bonanni? Da cosa dipendevano i suoi timori negli ultimi giorni prima dell’incidente? E soprattutto, chi o cosa sono gli hermanos del mar che cercava lungo le coste messicane e poi nell’arcipelago delle Fiji? Per risolvere i tanti misteri, Charles Fort e Selena si spingeranno dall’altra parte del mondo, trovandosi alle soglie di una scoperta scioccante che unisce le ipotesi sull’esistenza di misteriose creature degli oceani agli affari di una spietata multinazionale...

L'autore: 
Stefano Santarsiere è nato nel 1974, vive e lavora a Bologna. Ha diretto il cortometraggio Scaffale 27, aggiudicandosi il primo premio nel contest Complete Your Fiction 2012. Ha pubblicato i romanzi L’arte di Khem, Ultimi quaranta secondi della storia del mondo, e con la Newton Compton La mappa della città morta. Per saperne di più: www.santarsiere.it

lunedì 27 marzo 2017

Anteprime Nero Press: marzo 2017

Nero Press presenta due raccolte di racconti su carta: "I Racconti del Sangue e dell'Acqua" di Daniele Picciuti, e "Solo il Mare Intorno" di Danilo Arona, Luigi Milani e Angelo Marenzana.
L'orrore viene dall'acqua! È questo infatti l'elemento che accomuna i due libri.
Se nel primo l'acqua e il sangue compongono i due cicli di storie, nell'altro l'acqua mescolata al sangue, bagna le tre isole dove sono ambientate le vicende e (forse) protegge il resto del mondo dal male.

I racconti vanno tutti dal thriller all'horror, prendendo spunto da leggende tradizionali o inventate ad hoc, e alcuni ti trascinano su terreni più estremi, come lo splatter.

Titolo: I racconti del sangue e dell'acqua
Autore: Daniele Picciuti
Editore: Nero Press
Pagine: 178
Prezzo: 15,00
Disponibile qui
Descrizione:
Tredici racconti ambientati nella misteriosa Italia che si alimentano delle leggende e delle storie più care alle nostre tradizioni. Narrazioni sospese tra realtà e incubo, suddivise in due cicli. Il primo, il ciclo del sangue – che è linfa vitale dell’uomo e di ogni creatura animale – aggressivo e violento, omaggia Clive Barker. Il secondo, il ciclo dell’acqua – che è fonte primaria di ogni forma di vita sulla Terra – indaga le paure umane, esplora il baratro della follia, arrivando a ricordare H.P. Lovecraft.
Il libro, pubblicato in passato per altro editore, ora esce con una nuova edizione impreziosita dalle bellissime illustrazioni di Roberta Guardascione, capaci di far "vivere" le situazioni più suggestive.
Lasciati trascinare da Daniele Picciuti per l'Italia, tra misteri, leggende e orrori.

Titolo: Soltannto il mare intorno
Autore: Danilo Arona, Luigi Milani e Angelo Marenzana
Editore: Nero Press
Pagine: 238
Prezzo: 13,00
Disponibile qui
Descrizione:
Il libro racchiude tre lunghi racconti a tema horror marino basati su leggende e miti antichi. Si tratta di Croatoan Sound di Danilo Arona, Piedra Colorada di Angelo Marenzana e L’isola senza mortedi Luigi Milani, già usciti in digitale nella collana Insonnia. Per chi si fosse perso questi tre ottimi lavori, è l’occasione di averli tutti e tre in un colpo solo, con l’ottima prefazione di Giulio Leoni.
Voglia di mare? Ti aspettano tre isole avvolte dal mistero e bagnate da un mare di sangue.

Anteprima: Kiki. The beginning di Caleb Battiago

Titolo: Kiki. The beginning
Autore: Caleb Battiago (Alessandro Manzetti)
Genere: Horror
Editore: Astro edizioni
Collana: Horror
Pagine: 224
Prezzo: 12,90 euro

Descrizione: 
Kiki Léger, una giovane prostituta che sopravvive nell'inferno del quartiere più malfamato della città, Paris Sud 5, un vero e proprio Hyper-Bronx, una zolla maledetta di un pianeta trasformato in un  cannibalico, radioattivo ecosistema, caratterizzato dalla totale assenza di proteine animali commestibili e da una morale disintegrata, viene contattata da una potente organizzazione criminale per entrare a far parte di una squadra di killer professionisti. Per Kiki è l'opportunità per cambiare vita e scappare dall'inferno che la sta lentamente fagocitando, comunque peggiore di quello che l'aspetta, dover uccidere persone a pagamento. Non c'è scelta a Paris Sud 5, o si è preda o predatore. Big Blue, boss efferato e raffinato nello stesso tempo, potente demiurgo di tutti gli affari illeciti della città, dalla droga alla prostituzione, fino al commercio di carne umana, e il suo braccio destro, Guadalupe, brutale e psicotico omicida messicano, faranno entrare Kiki nel loro orrido meccanismo di morte, insieme ad altre nuove talentuose assassine da mettere sul mercato, come 'Dangerous' Yuki Liu e Makena 'Black Mamba', ognuna con un passato difficile e un presente in precario equilibrio, proprio come Kiki, sull'orlo dell'abisso, di vita o morte. Questa squadra di nuove assassine, le Guêpes Tueuses​ (Vespe Assassine), donne pronte a tutto pur di cavarsela in un mondo alla deriva, dovrà vedersela col primo contratto da portare a termine, scoprendo sulla propria pelle come ogni missione nasconda inganni, terribili conseguenze, nemici invisibili, sangue fresco e fantasmi del passato, come Giovanna d'Arco e Janis Joplin.

L'autore: 
Caleb Battiago (Alessandro Manzetti), autore di narrativa e poesia horror, vincitore del Bram Stoker Award®, editor e traduttore. Ha pubblicato, in italiano e inglese, varie opere di narrativa e poesia, tra le quali i romanzi Naraka. L'Apocalisse della Carne e Shanti. La Città Santa, la raccolta di racconti Kannibalika. La Carne e La Morte, la novella Area 52 e il saggio Monster Masters. I Segreti dei Maestri dell'Horror. Tra le sue opere in lingua inglese: le raccolte The Garden of Delight, The Monster, the Bad and the Ugly (con Paolo Di Orazio), le raccolte di poesie dark Eden Underground (vincitrice del Bram Stoker Awards 2015), Sacrificial Nights (con Bruce Boston, finalista al Bram Stoker Awards 2016) e Venus Intervention (con Corrine De Winter, finalista al Bram Stoker Awards 2014). Tra le opere come curatore: l’antologia in lingua inglese The Beauty of Death (finalista al Bram Stoker Awards 2016).

martedì 21 marzo 2017

Recensione: Una famiglia perbene

Titolo: Una famiglia perbene
Autore: Danilo Campanella
Editore: David and Matthaus
Dati: 2016, 144p., brossura
Prezzo di copertina: 14,90 euro

Descrizione:
Parigi, 1849. Una donna di colore ricoverata in ospedale riconosce, nella sua vicina di letto, la sua vecchia padrona di quando fu schiava in Centro America: madame LaLaurie, aristocratica nobildonna che decenni prima spalleggiava, per noia o per divertimento, il suo giovane marito, un medico frustrato che puniva gli schiavi con alcuni esperimenti sui loro corpi, che ne causavano la morte tra grandi sofferenze. Nonostante le prove schiaccianti, l'accusatrice del "mostro" faticherà a essere creduta dall'opinione pubblica, che dubiterà che quei fatti siano stati compiuti per mano di una rinomata famiglia perbene, nel corso di un processo che farà tremare persino i piani alti della politica francese. Come se non bastasse, l'accusata diventerà accusatrice, e si ribalteranno le sorti sul tavolo della storia. Tratto da una storia vera.

L'autore:
Danilo Campanella è nato il 2 Dicembre 1984. É laureato in filosofia, ad indirizzo etico-politico. Collabora con diverse riviste e organi si informazione, tra cui Philomath News, Recencinema e Riflessioni. Il suo precedente romanzo si intitola “Un re chiamato desiderio” edito da Tabula Fati. Ama leggere, scrivere e viaggiare. I suoi generi letterari preferiti sono lo storico, il fantasy e l’horror che, spesso, cerca di “ibridare” in un corpo unico. Vive e lavora a Roma.

La recensione di Sara:
È il 1849, Camille è ricoverata in ospedale per una banale crisi lipotimica,come dicono i medici.
Intanto è tormentata da strani incubi che le mostrano una donna di colore imprigionata a una stufa, la gamba completamente ustionata. Poi, le fiamme ovunque.
Camille non sa perché quei sogni la perseguitano, non riesce a ricordare. D’un tratto però, la sua anziana compagna di stanza in ospedale risveglia ricordi atroci: è lei!
La ragazza riconosce nella vecchia ammalata la padrona che utilizzava come schiavi lei e molti altri uomini e donne di colore.
La schiavitù è stata ormai proclamata illegale e Camille decide coraggiosamente di denunciare la donna e le atrocità commesse da lei e suo marito, un medico di cui si sono ormai perse le tracce che si dilettava in esperimenti scientifici sui malcapitati, acquistati come schiavi.
Si apre così il processo a Madame La Laurie che man mano svelerà non solo le torture messe in atto insieme al suo consorte ma anche l’altra faccia della medaglia, la contro democrazia che ancora vive in Francia.
La rivoluzione è sulla bocca di tutti, la democrazia si è trasformata da sogno in realtà eppure c’è chi, come madame La Laurie, spera ancora nel ritorno dell’anciene régime, di una rivincita della nobiltà che faceva il bello e il cattivo tempo e non doveva preoccuparsi di quelle che  per loro sono inezie come diritti umani e parità.
Così Danilo Campanella ci mostra non solo l’orrore che si nasconde nella soffitta di “Una famiglia perbene” ma  lo scontro tra due fazioni politiche che ha determinato il corso della storia.
Attraverso il processo narrato dall’autore, attraverso le parole dei protagonisti, possiamo ricostruire il quadro completo di una realtà complessa, come quella del periodo dei moti rivoluzionari francesi.
Da un lato assistiamo all’integrazione dei cittadini di colore, un tempo schiavi, nelle famiglie borghesi francesi, dall’altro alla rabbia incontenibile di chi credeva di essere onnipotente e ha visto sprofondare tutto ciò in cui credeva sotto i suoi stessi piedi.
Un romanzo che in poche pagine riesce a far immergere completamente il lettore nella storia che, per quanto breve, è narrata accuratamente ed è ricca di dettagli.
Non manca la vena splatter che rende il romanzo ancor più agghiacciante. Le torture descritte, infatti, non sono frutto di fantasia ma, purtroppo, di documentazione storica e mettono in luce di quali barbarie sia capace l’essere umano.
Una famiglia perbene è una piccola storia che porta con sé un grande peso e che lascia il segno, merita di essere letta.

sabato 18 marzo 2017

Recensione: B.I.H.F.F (Best Italian Horror Flash Fiction)

Titolo: SPLATTER PRESENTA: B.I.H.F.F (Best Italian Horror Flash Fiction)
Autori: AA.VV.
A cura di Paolo Di Orazio e Alessandro Manzetti
Editore: Independent Legions Publishing
Traduzioni: Daniele Bonfanti, Francesca Noto e Nicola Lombardi
Revisioni: Alessandro Manzetti
Illustrazione di copertina: Vincent Chong
Formato: eBook
Pagine: 239
Lingua: Italiano
Prezzo di copertina edizione eBook: € 2,99
Pubblicazione: marzo 2017
Disponibile su Amazon

Descrizione:
Quindici racconti horror inediti di alcuni tra i migliori interpreti dell’horror italiano insieme ad opere di autori emergenti e grandi ospiti internazionali come Poppy Z. Brite, Charlee Jacob ed Edward Lee. Completano l’antologia tre fumetti pubblicati nell’ultima serie di Splatter Magazine, una prefazione di Paolo Di Orazio e una postfazione di Alessandro Manzetti. Un progetto realizzato in collaborazione con il Magazine Splatter e con il Chapter Italy della Horror Writers Association. Racconti: ‘Mancanza’ di Poppy Z. Brite; ‘La Ragazza Larva nella Prigione delle Donne Morte’ di Edward Lee; ‘Attraverso le Veneziane’ di Charlee Jacob; ‘L’ultimo Desiderio’ di Poppy Z. Brite; ‘Due Teste’ di Caleb Battiago; ‘L’Insaccato’ di Paolo Di Orazio; ‘La Ragazza dall’Occhio di Vetro’ di Stefano Fantelli; ‘Tre Secondi’ di Nicola Lombardi; ‘Basta che non li fai entrare’ di Luigi Musolino; ‘Il Cacasuore’ di Daniele Bonfanti; ‘Non si Accettano Fumetti dagli Sconosciuti’ di Giuliano Conconi; ‘Rosy & Jack Spaccalegna’ di Davide Camparsi; ‘Miseri Resti Sepolti’ di Miriam Palombi; ‘Una Moglie Perfetta’ di Serena Aronica; ‘Black Market Music’ di Vito Ricco. Fumetti: ‘Io Sono la Forca’ (da Splatter Magazine #4 - Maggio 2014; ‘Metajo Orlando’ (da Splatter Magazine #5 - Luglio 2014); ‘Selfie Service’ (da Splatter Magazine #6 - Ottobre 2014).

La recensione di Miriam: 
Valorizzare l’horror italiano e rappresentarlo nel mondo: questa è la mission che Alessandro Manzetti persegue ormai da anni, come autore, editore, Trustee dell’Horror Writer Association, nonché curatore di svariati altri progetti che vanno nella stessa direzione. Un obiettivo ambizioso e coraggioso, considerando la diffidenza con cui il genere è accolto nel nostro paese e la scarsa visibilità di cui la narrativa nostrana gode all’estero.
Sdoganare, unire, creare nuove sinergie e opportunità sono le parole chiave alla base anche di questa antologia, che raccoglie appunto una selezione di racconti brevi, firmati da autori italiani più e meno noti, aprendo nel contempo una finestra che guarda oltre la territorialità. Il volume, infatti, oltrepassa i confini geografici, accogliendo tre ospiti internazionali di grosso calibro, come Edward Lee, Charlie Jacob e Poppy Z. Brite, e quelli espressivi, inglobando una selezione di fumetti già apparsi sul magazine “Splatter”, ideato da Paolo Di Orazio.
Horror a trecentosessanta gradi dunque, da gustare attraverso la parola scritta e le immagini, una tentazione irresistibile per gli appassionati, che si dimostra all’altezza delle aspettative.
Ciascun autore propone un tema diverso e una personale interpretazione del genere – si va dall’horror più tradizionale all’extreme, passando per lo splatterpunk – sicché il risultato è un coro polifonico,  armonico ed eterogeneo allo stesso tempo.
La brevità che accomuna tutti i testi ci induce ad assecondare il ritmo di rapidi cambi di scenario e atmosfere, tenendoci costantemente in allerta. Leggendo si ha la sensazione di percorrere una sorta di labirinto, disseminato di pericoli, non avendo la più pallida idea di cosa aspettarci, pur sapendo che qualcosa di terrificante ci investirà a ogni svolta.
Spesso sono mostri ad attenderci, incarnazioni di archetipi dell’immaginario o delle nostre paure ancestrali, come il Cacasuore di Daniele Bonfanti, una creatura dagli istinti cannibalici  che si aggira nei pressi di  un convento; gli scheletri assassini partoriti da un vinile maledetto in Black Market music di Vito Ricco; o gli zombie mutaforma in cui si trasformano i protagonisti di Rosie & Jack spaccalegna di Davide Camparsi. Mostri sui generis sono anche i vampiri di Basta che non li fai entrare di Luigi Musolino, che tingendo l’horror di una marcata vena ironica incarnano una paura tutta moderna, forse più innocua di altre, ma solo all’apparenza: quella degli esattori che bussano alla porta per incastrare chi non paga il canone della televisione.
L’ironia fa da perno anche in  Una moglie perfetta di Serena Aronica, che vede un marito costretto a uccidere la consorte e a sottoporla a un particolare rito per trasformarla nelle sposa ideale – chiaramente, l’esito comporterà qualche imprevisto.
In alcuni casi, il terrore assume il volto di una nemesi come in Miseri resti sepolti di Miriam Palombi, in cui  una vittima di omicidio risorge dalla tomba per farsi giustizia; oppure di una nemesi al contrario, come in Tre secondi di Nicola Lombardi, in cui una persona scampata al colpo di grazia del suo assassino torna a cercarlo affinché concluda quello che ha cominciato. In altre occasioni, l’inferno scaturisce da un mondo immaginario che si credeva rassicurante, piacevole, e invece si rivela una fucina di veri e propri incubi, come accade in Non si accettano fumetti dagli sconosciuti  di Giuliano Conconi, in cui un misterioso fumetto rigurgita orrori nella realtà.
Con Caleb Battiago ed Edward Lee scivoliamo verso scenari post-apocalittici. Il primo, con Due teste,  ci regala un nuovo, delizioso morso della sua Area 52,il progetto a luci rosse messo a punto a Parigi sud 5 per alimentare il giro della prostituzione. Laddove amore e morte viaggiano a braccetto e la vita umana ha perso qualsiasi valore, una coppia di amici ricerca il piacere concedendosi, un incontro a tre con la famosa Violaine: una puttana superdotata. Ovviamente il prezzo per le sue prestazioni sarà altissimo, ma occorrerà giungere alla fine per scoprire chi pagherà e come.
Lee, invece, nel suo La ragazza larva nella prigione delle donne morte, ci fa conoscere le Larve, un tempo comuni esseri umani divenuti, a causa di  un agente inquinante,  rappresentanti di una razza nuova, raccapricciante e letale.
Se con questi due autori si corre lungo il confine più estremo delle aberrazioni, in una direzione simile, sembrano muoversi anche Stefano Fantelli con La ragazza dall’occhio di vetro  e Paolo Di Orazio con L’insaccato. La componente splatter in questi due racconti è molto  marcata, si tratta infatti di due autentiche cartoline infernali in grado di inchiodarci con immagini difficili da dimenticare. Nel primo, l’orrore passa attraverso la perversione sessuale, che qui si sfoga su un’orbita vuota, molto particolare. Nel secondo assistiamo a una sorta di punizione/esecuzione per cui vediamo un uomo cucito  nella carcassa di una scrofa e gettato in pasto ai maiali.
Con  Attraverso le veneziane, di Charlie Jacob assaggiamo un orrore assolutamente reale, quello dell’abuso sull’infanzia e delle cicatrici che lascia, non solo nel fisico ma nell’anima. In questo, che forse è il più impegnato di tutti i racconti, la protagonista che soffre di agorafobia sbircia attraverso le lamelle delle veneziane l’esistenza che le è stata rubata. Una carrellata di immagini crude che si alternano a momenti introspettivi molto toccanti.
E toccanti sono anche i due contributi di Poppy Z. Brite; con il lirismo macabro che contraddistingue il suo stile, in Mancanza ci parla di amore e morte, della difficoltà di colmare il vuoto lasciato da qualcuno che si ama – che nel caso specifico troverà una soluzione raccapricciante –  mentre in L’ultimo desiderio interpreta il bisogno di un malato di cancro di liberarsi dalla sofferenza attraverso la morte… sempre ammesso che ciò sia possibile. Un testo che pur sfociando nel paranormale, sfiora una tema di grande attualità.
Non meno interessanti si rivelano i fumetti. In Io sono la forca, è lo strumento di morte a prendere la parola per raccontarsi e proporci un’insolita disquisizione sul senso stesso della vita. Nel tragicomico Metajo Orlando, conosciamo uno scrittore di fumetti caduto in disgrazia che inventa un sistema infallibile per tornare sotto le luci della ribalta. Ritroviamo lo stesso personaggio anche in Selfie service per un’evoluzione splatter quanto imprevedibile del suo folle piano.
Un’ottima lettura, inquietante e divertente, offre un porto sicuro agli aficionados ma anche una valida occasione per esplorare il genere a quanti ancora non si fossero lasciati sedurre dal fascino dell’oscurità.















giovedì 16 marzo 2017

Recensione: Non dirmi bugie

Titolo: Non dirmi bugie
Autore: Rena Olsen
Editore: Newton Compton
Collana: Nuona Narrativa Newton
Pagine: 336
Prezzo eBook: 2,99
Prezzo cartaceo: 9,90

Descrizione:
Clara sta spazzolando i capelli a una delle figlie, quando alcuni uomini armati fanno irruzione in casa e arrestano Glen, suo marito. L’ultima cosa che lui le urla, prima di essere portato via, è di non dire niente, e lei ubbidisce. Del resto, la rigida educazione che ha ricevuto da ragazzina, e che l’ha resa poi una giovane donna dalle maniere perfette, l’ha abituata a fare ciò che va fatto. Sempre. Ma la situazione precipita rapidamente e lei si ritrova rinchiusa, interrogata da uomini e donne che la chiamano con un altro nome, Diana, e che accusano il marito di aver commesso crimini atroci. Clara ripercorre così il suo passato, cercando la chiave per comprendere ciò che le sta succedendo. E a poco a poco il passato inizia a stridere con il presente e Clara è costretta a mettere in dubbio la realtà che ha sempre dato per scontata: dovrà ricorrere a tutte le sue forze per aprire gli occhi sul presente e affrontare il futuro, se per lei un futuro c’è ancora…

L'autrice:
Rena Olsen. Vive in Iowa, è una scrittrice, terapeuta, insegnante, cantante a tempo perso e soprattutto un’incrollabile ottimista. Di giorno cerca di salvare il mondo come psicologa scolastica, mentre di notte costruisce nuovi mondi sulla carta. Non dirmi bugie è il suo primo romanzo. Il suo sito internet è renaolsen.com.

La recensione di Miriam: 
Qualsiasi tipo di violenza è aberrante, tuttavia quella psicologica è la più subdola poiché è difficile riconoscerla, persino per chi ne è vittima.
Clara, per esempio, è pronta a giurare di aver condotto un’esistenza normale, di non aver mai subito soprusi o privazioni, fino al giorno in cui degli sconosciuti non hanno fatto irruzione in casa sua strappandola a tutto ciò che le era familiare. Certo, dalle mura di quella casa bellissima non è mai uscita, se non in rarissime occasioni, sotto la stretta sorveglianza di qualcuno; è stata picchiata tante volte ma sempre per aver trasgredito a qualche regola, dunque perché lo meritava. È anche vero che molte delle figlie portate alla villa perché venissero addestrate, all’inizio piangevano e dicevano di voler tornare dai loro genitori, però questi ultimi non le volevano più, le avevano cedute a Mami Mae e Papi G affinché le trasformassero in signorine perfette e le cedessero a uomini ricchi, pronti a garantire loro un futuro migliore. Per lei è stato lo stesso, anche se aveva appena sei anni quando tutto è successo e non ricorda più nulla della sua vita prima.
Mami e Papi non sono i cattivi della storia, loro sono i buoni, e lo è anche Glen, il loro figlio, l’uomo che Clara ha sposato per amore, ottenendo il privilegio di non essere venduta.
Cattivi sono coloro che l’hanno portata via, che l’hanno rinchiusa in una stanza, dicendole che suo marito è un criminale e facendole un mucchio di domande affinché lei li aiuti a incastrarlo. Ma Clara è fedele ed è stata educata in maniera impeccabile, le hanno spiegato bene cosa è giusto e cosa è sbagliato sicché, qualsiasi cosa accada, la sua bocca resterà cucita…
Il punto è che la verità spesso è opinabile, quantomeno basta cambiare punto di vista perché le cose assumano un significato diverso agli occhi di chi le guarda. Chi subisce una violenza psicologica viene posto in una prospettiva da cui tutto sembra regolare e l’abuso non è percepito nemmeno come tale. Diventa doppiamente fragile proprio perché, oltre a  non possedere i mezzi, non ha la volontà di difendersi, non riconoscendo il nemico.
“È sempre stato così, perciò come può essere sbagliato?” si ripete Clara, che non avendo mai avuto un modello di vita diverso da quello vissuto con cui confrontarsi, non sospetta minimamente di essere vittima di qualcosa di orribile, insieme a tante altre ragazzine che hanno subito la sua stessa sorte.
Non dirmi bugie è un thriller narrato dal punto di vista della vittima, questa è la sua peculiarità e anche il suo grande punto di forza, l’elemento che lo allontana dal tipico schema poliziesco, concentrandosi sulla psicologia di una donna violentata nel fisico ma soprattutto nell’anima.
La sfida sviscerata da Rena Olsen non consiste nella ricerca dei colpevoli – loro sono già lì, sono stati stanati – ma nel convincere Clara a testimoniare contro di loro, a collaborare affinché la polizia possa raccogliere le prove definitive, indispensabili per incastrarli e impedire che continuino a fare del male. La vera sfida è riuscire a smontare il castello di bugie che mami Mae, Papi G e Glen hanno costruito per Clara, in modo da farle vedere un’altra verità, quella che apre una finestra sulla vita che avrebbe potuto vivere se i mostri che lei adesso reputa la sua famiglia non le avessero fatto del male.
Il romanzo si articola in due tempi: i capitoli dedicati al presente, che raccontano della detenzione di Clara, degli interrogatori e della sua resistenza, si alternano ai capitoli che ci trascinano indietro nel tempo, raccontandoci gli anni trascorsi all’interno della casa in cui la giovane donna è stata segregata e formata come schiava del sesso.
Si rimane profondamente toccati dal racconto, reso peraltro con uno stile diretto e coinvolgente, per l’agghiacciante realismo delle  tematiche affrontate – la violenza sulle donne e la tratta di esseri umani purtroppo non sono frutto di fantasia – ma nondimeno per le dinamiche psicologiche che scattano in Clara e che la sorreggono lungo il cammino. Più ancora che le botte, le privazioni, le umiliazioni cui viene sottoposta, fa inorridire l’efficacia con cui la sua mente viene manipolata al punto che nel suo schema di pensiero i comuni concetti di giusto e sbagliato risultano completamente invertiti. Sembra quasi paradossale che per lunghi anni lei non abbia mai lottato contro chi stava davvero abusando di lei in tutti i sensi, mentre adesso lotta con le unghie e con i denti contro chi vorrebbe salvarla.
Consiglio fortemente la lettura di questo libro, non solo perché si tratta di un thriller mozzafiato, ma soprattutto perché fa comprendere benissimo quel che significa e quel che comporta la violenza psicologica, mentre viene subita ma anche dopo, giacché liberarsene e rinascere comporta un grande lavoro di decostruzione e ricostruzione di sé. Un percorso non meno doloroso e difficile che attraversa l’intero romanzo, andando a riequilibrare l’orrore dei crimini descritti con la speranza della rinascita.